• rss
  • facebook
  • fb
  • youtube
  • GooglePlus
Società

18/06/2012

Lions Desio, in buca con Briantea84

Golf e solidarietà, grazie al Lions Club di Desio. La gara del Lions Golf Trophy 2012 intitolata a Briantea84 e giocata sabato 16 giugno al circolo di Annone Brianza, oltre a promuovere lo sport paralimpico e festeggiare i prestigiosi risultati sportivi ottenuti dal club di Alfredo Marson, ha avuto anche una finalità benefica: il Lions Club desiano, con il suo presidente Stefano Malberti, ha consegnato a Briantea84 una donazione di 2mila euro a sostegno delle sue attività sportive. Il Golf Club Lecco, invece, ha destinato alla società canturina parte del ricavato della competizione, pari a 300 euro.

“Siamo molto orgogliosi di questa collaborazione con gli amici del Lions Club di Desio – ha ringraziato Marson – anche perché ci lega un episodio suggestivo: il primo statuto della nostra società nel 1984 è stato firmato proprio a Desio. Ormai è il terzo anno che, grazie all’impegno di Francesco Riva e degli altri consociati, una tappa del circuito italiano Lions è dedicata a noi: è una bellissima iniziativa che speriamo possa continuare”.

Hanno animato la giornata sul green alcuni giocatori della squadra di pallacanestro Dir e i coetanei campioni d’Italia della Unipol accompagnati dal tecnico Malik Abes. I ragazzi hanno avuto l’opportunità di cimentarsi con ferri e swing, affiancati da giocatori esperti. Al termine della giornata, nel corso della cerimonia di premiazione, i Lions hanno infilato al collo degli atleti presenti una medaglia d’oro come riconoscimento del titolo italiano vinto al termine della stagione sportiva. Cortesia ricambiata con la consegna di una maglia da gioco tricolore.

“La nostra attività ha senso quando riusciamo ad aiutare chi si spende per gli altri come Briantea84 – ha concluso Malberti –. Da parte nostra è un piacere poter essere al fianco di una società importante sul nostro territorio, con atleti che danno il massimo per raggiungere risultati prestigiosi, quindi faremo in modo che questa amicizia duri a lungo, contribuendo a diffondere attraverso i nostri canali di comunicazione il bel mondo dello sport paralimpico”.