Assoluti Invernali, il gioco si fa duro

Le luci si accendono sulla piscina Muggiò di Como, dove sabato e domenica si disputeranno gli Assoluti Invernali di nuoto paralimpico. I numeri danno già la dimensione del primo importante evento della stagione natatoria italiana, organizzato quest’anno dalla società Silvia Tremolada di Monza: 46 società iscritte per un totale di 150 atleti, di cui 30 di interesse nazionale. Sarà una vera battaglia a suon di bracciate. Il team BLM allenato da Alessandro Pezzani scenderà in vasca con una formazione di 7 atleti, tutti a caccia di medaglie. Nessuno escluso. A due settimane dal Campionato Regionale, che ha visto l’incoronazione di Cristian Marson, campione regionale nei 50 rana seguito dal bronzo di Simone Frigerio, e lo straordinario record italiano Classe S4 stabilito da Mattia Pezzoli nei 50 delfino (1’ 05’’ 52), l’adrenalina si fa sentire insieme alla voglia di dare il massimo. La gare sono divise in tre sessioni: sabato mattina (dalle 10.00) romperanno il ghiaccio Simone Frigerio ed Emanuele Lanzani nei 50 dorso, Elena Pietroni, Francesca Pozzi e Marco Dolfin nei 100 rana. Alle 15.30 le batterie riprenderanno con i 50 rana di Frigerio e Marson, seguiti dai 200 misti in cui ci cimenteranno sia Dolfin che Pietroni. Domenica mattina sarà la volta di Mattia Pezzoli nei 50 delfino, Pozzi nei 100 dorso e per finire Lanzani, Marson e Pezzoli nei 50 stile libero. A sostenere gli atleti nel loro intenso programma di gare ci sarà uno staff composto, oltre che dal tecnico Pezzani, da Cristian Camnasio, Mattia Marzorati, Federico Terzi e la psicologa Chiara Lazzaretto. “Non mi piace mai sbilanciarmi prima di una gara, soprattutto di questo tipo – ha commentato cauto Pezzani -, posso solo ribadire che questo gruppo sta lavorando intensamente da mesi e che ora è arrivato il momento di dimostrare il valore raggiunto. Disputare un Campionato italiano a Como equivale a giocare in casa: ci alleniamo a Muggiò e conosciamo quella vasca, questa cosa può facilitare gli atleti nelle gare a dorso e miste. In più la sera tutti potranno tornare nella loro casa, stemperando la tensione. Ci sono tutti gli ingredienti e i presupposti per fare bene, ora sta a ciascuno dare il massimo, senza risparmiarsi”. Prima di lasciare spazio ai cronometri, la Federazione di nuoto paralimpico ha previsto un momento di incontro per ragionare sul futuro: venerdì dalle 20.30 all'hotel Cruise di Como si svolgerà un workshop tecnico nazionale. Ad aprire i lavori sarà l'allenatore della Nazionale Vincenzo Allocco, parlando di "Valutazioni funzionali e analisi biomeccanica negli atleti top level Finp"; a seguire il coordinatore nazionale Riccardo Vernole, con il tema "Attività internazionale nuoto paralimpico verso Rio 2016"; chiuderà il seminario Francesco Perna, classificatore internazionale, con "Le classificazioni funzionali internazionali: aspetti e considerazioni".