Circuito Nord Cup, la BLM convince

Non delude la BLM Briantea84 impegnata a Como, domenica 1 dicembre, nella seconda tappa del circuito regionale Nord Cup. Una prestazione che soddisfa quella dei due team canturini, Promozionale e Agonistico, così come il posizionamento in classifica, una sesta piazza (17 le squadre in gara) che ben ripaga il lavoro di una stagione agli esordi e ancora tutta da vivere. La squadra promozionale sfiora l'enplein di presenze (assente all’appello solo Giorgio Tagliabue), con Luca Mottarella, Barbara Marelli, Francesca Ferraro, Mattia Cazzola e Viviana Cavagna. A trainare il gruppo una determinata Marelli, in acqua aggressiva e lanciata più che mai. Promozione a pieni voti anche per Cazzola e Cavagna, che bene hanno retto l’emozione dell’esordio in vasca lunga. Regala soddisfazioni anche il versante Agonistico, in acqua nella sessione pomeridiana di gara. Simone Rossetti, alla sua seconda competizione ufficiale, ha fatto registrare i suoi personali nei 50 stile libero (45”) e nei 50 dorso (56”). Ottimi tempi anche per Alessandro Nicolai (50 stile) e Luca Falzone (50 delfino). Tra i protagonisti nella staffetta, capace di dire la sua e fare la differenza, un Gianluca Zoia in buonissimo stato di forma. A dare il meglio di sé, orientato più al gruppo che al risultato individuale, anche il giovane Emanuele Meloni (a destra nella foto), classe 1999, premiato con una targa come più giovane atleta in gara. Buona prestazione, sia a livello individuale sia nella staffetta, anche per Davide Maniscalco. Si difendono bene anche le quote rosa di casa Briantea84, con la buona prova di Martina Ostini nei 50 stile, Sabrina De Dominicis nei 100 stile e nei 100 rana e una strepitosa Chiara Giudici capace, ancora una volta, di dimostrarsi una valida mezzofondista nei 200 rana. “Sono soddisfatto – ha commentato il tecnico Alessandro Pezzani -. Stiamo andando nella direzione giusta, la prestazione di domenica ne è la prova. Abbiamo tanti nuovi atleti e soprattutto un vivaio di giovani promesse, una buona base per il nostro futuro”. Chiara Zucchi