A Napoli una super BLM e un Dolfin da record

Il bottino partenopeo della BLM Briantea84 ai Campionati assoluti invernali Finp (Portici, 1-2 aprile) racchiude 11 medaglie di classe (6 ori, 4 argenti e 1 bronzo), 2 medaglie Open (1 bronzo e 1 argento) e due record italiani assoluti, registrati da un Marco Dolfin che, in quello che può ritenersi il suo rientro ufficiale in vasca dopo Rio 2016, ha fatto vedere ancora una volta la pasta di cui è fatto.

La prestazione del team BLM - composto da Elena Pietroni, Francesca Pozzi, Cristian Marson, Simone Frigerio e Emanuele Lanzani, accompagnati a Napoli da Carlo Capararo, Chiara Lazzaretto, Christian Camnasio e Mattia Piovesan - registra un trend complessivamente positivo, segnale di una preparazione e di un impegno che si traducono in ottimi riscontri in gara.

Superlativa la performance di Marco Dolfin (in gara come Fiamme Oro, gruppo sportivo di cui rappresenta i colori da agosto 2016): ancora una volta, il chirurgo torinese ha fatto a pezzi il cronometro, registrando un doppio record italiano assoluto nei 100 rana (1.40.48) e nei 200 misti (3.11.76), gara che resta un po’ il fantasma nero di Rio De Janeiro. Un problema di respirazione durante la prima vasca, compromise l’intera prestazione di Dolfin, che chiuse la batteria in ultima posizione con un tempo nettamente distante dal suo personale.

L’1.40.48 nei 100 rana (SB05), la sua gara regina, migliora il precedente record personale (in vasca corta) di 1.41.42 registrato a Tradate a febbraio 2016, mentre il 3.11.76 nei 200 misti (SM06) abbatte un quasi storico 3.22.00 firmato nel 2008 da Efrem Morelli.

“Siamo veramente soddisfatti di questa prestazione - ha commentato Alessandro Pezzani, tecnico di Marco Dolfin –, possiamo dire che il test è stato superato alla grande. Sono arrivati due ori di classe, un bronzo Open nei 200 misti e un argento Open nei 100 rana. Ciliegina sulla torta, i due record italiani assoluti. Un segnale molto positivo, la gara di oggi ha dimostrato che siamo allineati con i grandi atleti del nuoto italiano: a Napoli tutti i presenti a Rio sono stati protagonisti di ottime prestazioni, Marco ha tenuto il passo facendo altrettanto. Nei 200 misti, poi, ho visto una determinazione incredibile: a livello psicologico temevo che il ricordo brasiliano potesse incidere sulla prestazione. Marco, invece, si è dimostrato ancora una volta una macchina da guerra, è stato grande. Non voglio nemmeno immaginare cosa sarebbe successo a Rio se non avesse bevuto durante la prima vasca…”.

I RISULTATI:

Emanuele Lanzani

50 dorso S2 1.42.80, ORO

Finale Open, ottavo class.

50 stile libero S2 1.39.36 ORO

Marco Dolfin

200 misti SM6 3.11.76 ORO E RECORD ITALIANO

Classifica Open BRONZO

100 rana SB5 1.43.40 ORO

Finale Open 1.40.48 ARGENTO E RECORD ITALIANO

Francesca Pozzi

200 misti SM6 5.18.11 ORO

100 rana SB5 2.32.80 ORO

Cristian Marson

50 stile libero S4 1.08.70 BRONZO

50 rana SB3 1.07.39 ARGENTO

Elena Pietroni

50 stile libero S7 47.07 ARGENTO

Finale Open 47.97, settima class.

50 farfalla S7 57.61 ARGENTO

Simone Frigerio

50 rana SB2 1.37.67 ARGENTO

50 sl S3 1.31.78 quinto class.

 

Staffetta 4x50 mista "mixed" (Frigerio, Marson, Pietroni, Pozzi) 4.47.90, BLM Briantea84 quarta classificata.

Staffetta 4x50 stile Mixed (Frigerio, Pozzi, Marson, Pietroni), 4.35.95 BLM Briantea84 quinta classificata.