La Unipol chiude al secondo posto

Si è conclusa la regular season, il bello deve ancora venire. Con l’ampia vittoria su Padova (49-69), la Unipol di Malik Abes ha messo la sua prima pietra sul futuro che l’attende. La classifica di serie A, dopo l’ultima giornata di campionato, ha subito il suo ennesimo e imprevedibile scossone. Da un lato si è ristabilito l’antico ordine di forza, che vede nel S. Lucia Roma la vera e unica capolista ma che da defender quest’anno dovrà ben battagliare per potersi riconfermare. Sul versante opposto, il fratricidio sardo si è concluso con l’illustre esclusione di Sassari dai Play-off scudetto: come quarta pretendente al titolo è passata Porto Torres, protagonista di un finale di stagione impeccabile (non ultima la vittoria sul S. Stefano Banca Marche di questo weekend). Nel mezzo c’è la Unipol, che ha chiuso con uno strepitoso e fruttifero secondo posto, lasciandosi dietro i marchigiani, prossimi avversari della semifinale scudetto ma affrontati col favore del campo. “La stagione inizia adesso – ha commentato sorridente Malik Abes, al quale il piazzamento ottenuto consente di guardare con più ottimismo alle prossime sfide -. Credo che ci meritassimo questo finale, abbiamo lavorato sodo, abbiamo combattuto ogni partita e dimostrato di essere molto competitivi. La squadra intera sta giocando molto bene, tutti stanno dando il massimo. Ora ci aspettano due settimane impegnative, in cui ci giochiamo molto. La regola numero uno è: no stress”. La vittoria su Padova, fanalino di coda e avversario poco irresistibile, ha permesso a coach Abes di provare tutte le rotazioni, dando minuti di gioco anche a una panchina che seppure giovane ha dimostrato di essere abbastanza profonda per reggere lo schianto delle big: in campo dunque Scopelliti e Santorelli, così come il senegalese Diouf, autore di 11 punti. L’unico lasciato a riposo è stato il 20enne tedesco Kai Moeller, essendo sotto cura di antibiotico. Ora il campionato italiano va in pausa, prima di lasciare posto alle sfide dei Play-off (6, 13 e 20 aprile). Nel mezzo ci sono i preliminari di Eurocup, dall’8 al 10 marzo, che vedono la Unipol impegnata a Grenoble, in Francia. Poi, a distanza di una settimana, la scena sarà occupata dalla Coppa Italia (16-17 marzo), che avrà proprio il campo di Seveso come altare su cui innalzare il primo allettante trofeo della stagione. Padova - Unipol Briantea84 49-69 (9-22, 13-14, 16-17, 11-16)