La Serie A riparte da Giulianova

Dopo una lunga pausa, la Serie A torna a suonare le trombe. I campioni d’Italia della Unipol sabato sono impegnati nella trasferta d’Abruzzo, a Giulianova (palla a due alle 17.00 al Palacastrum), per proseguire la loro rincorsa al primato. Sulla carta si presenta come un bell’antipasto rinforzato in vista del big match di sabato 18 gennaio in casa: tutto converge, infatti, sulla sfida con S maiuscola, la battaglia col Santa Lucia Roma prevista tra una settimana. La situazione, alla chiusura del girone d’andata, vede la squadra di Carlo Di Giusto stabilmente in cima alla classifica (14 punti), l’unica a essere imbattuta fino a questo momento. Alle sue spalle inseguono i brianzoli (12), caduti solo sul campo capitolino. Santo Stefano Banca Marche e Porto Torres, a -6 dalla vetta, completano la griglia della Final Four di Coppa Italia e sono tallonate da Giulianova e Castelvecchio, ancora in corsa per i play-off scudetto. In questa griglia ancora molto fluida, ogni partita può rimescolare le carte. Se nella prima metà del campionato la Unipol ha facilmente sgominato tutti gli avversari meno Roma, lasciando pochissimi margini di imprevisto, potrebbe essere rischioso prendere sottogamba i prossimi appuntamenti, soprattutto dopo le novità portate dal mercato invernale. La stessa Giulianova, che al debutto a Seveso aveva poco impressionato, oggi sembrerebbe corsa ai ripari – anche in vista degli impegni europei che l’attendono come organizzatrice della fase preliminare di Eurolega. Voci di mercato dicono in arrivo (o già arrivato) l’iraniano Morteza Abedi, un giovane promettente che si è messo in mostra lo scorso settembre ai Mondiali U23 in Turchia dove ha trascinato a un onorevole quinto posto la sua squadra – al debutto dopo anni di buio seguiti alla defezione imposta dal governo ai Giochi Paralimpici di Pechino –. “Se questa indiscrezione fosse vera – ha commentato coach Malik Abes – di sicuro troveremo una squadra ben diversa da quella vista all’andata. Perché Giulianova quando gioca con tre lunghi sa essere molto pericolosa. Per questo non possiamo sottovalutare nessuno, sarebbe l’errore più grosso da commettere. Inoltre, c’è da dire comunque che Giulianova si è già molto equilibrata dall’inizio del campionato, hanno giocato ottime partite sfiorando la vittoria in molti casi. La loro voglia di play-off dunque è ben legittimata”. Recuperato Lorenzo Molteni dopo i guai di salute che lo avevano messo ko prima di Natale, il roster lombardo si presenta quasi al completo, con la sola mancanza del giovane Paolo Crespi. Il gruppo è tornato ad allenarsi dopo l’Epifania, aspettando il rientro dagli Stati Uniti di Brian Bell, impegnato proprio dopo capodanno nel raduno della nazionale USA che lo ha confermato nella lista dei 16 che proseguiranno il cammino verso i Mondiali in Sud Corea di luglio.