Cala il sipario sul campionato Figc Dcps

Titoli non assegnati, nessuna squadra verrà promossa o retrocessa. L’ufficialità è arrivata nella serata di ieri (14 aprile, ndr): si è concluso con anticipo il campionato Figc Dcps (Federazione Italiana Giuoco Calcio - Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale) su tutto il territorio nazionale. Il torneo (in Lombardia il calcio d’inizio è stato l’8 febbraio 2020) si era fermato alla seconda giornata (22-23 febbraio) a causa dell’emergenza sanitaria COVID-19.

La Rolafer Briantea84 Cantù era iscritta alla divisione con due formazioni in rappresentanza dei colori rossoneri dell’AC Milan: il Milan for Special A (livello Quarta Categoria - Girone Lombardia) e il Milan for Special B (Quinta Categoria - Girone Lombardia B). Infatti, tutte le società paralimpiche partecipanti al campionato Figc Dcps scendono in campo vestendo la maglia di un club professionistico.

LE PRIME GIORNATE - Nelle prime due giornate il Milan for Special A aveva strappato altrettante vittorie. Gli uomini di mister Luca Brienza e Francesco Ronchetti si erano imposti 3-2 nella rimonta contro Udinese for Special e per 5-2 sul Novara for Special B. Quattro i punti raccolti dalla seconda formazione rossonera guidata dalla panchina dai mister Davide Gaverini e Marco Spinelli: vittoria all’esordio contro il Venezia for Special A (2-1) e pareggio nel derby con l’Inter for Special B (1-1).

ESTRATTO DEL COMUNICATO UFFICIALE FIGC DCPS

“A seguito della situazione drammatica che sta vivendo tutto il nostro Paese e l’intera comunità mondiale a causa dell’evolversi dell’emergenza sanitaria da Covid-19, la Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale ha ufficializzato la conclusione in maniera preventiva e definitiva di tutte le competizioni e manifestazioni sportive su territorio nazionale della stagione 2019/2020.

Una decisione difficile, ma doverosa in linea con le ulteriori ordinanze emesse dal Governo a livello nazionale in materia di emergenza sanitaria, arrivata dopo un’attenta e approfondita riflessione con l’obiettivo principale di tutelare la salute, bene primario di ogni tesserato. Tenuto conto del numero ridotto delle gare disputate dall’inizio della stagione avviata lo scorso 30 gennaio 2020 presso il Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” con il calcio d’inizio all’attività sportiva ufficiale, i campionati terminano dunque senza l’assegnazione di titoli sportivi, né saranno applicati i meccanismi di promozione e retrocessione laddove previsti […]”